Evangelizzazione gruppo Samuele – dicembre 2018

Tra evangelizzazione e goliardia: quando l’unione fa davvero la forza

Ciao a tutti! Noi siamo i catechisti del Gruppo Samuele e guidiamo un insieme abbastanza variegato di bambini, che presentano un’età, compresa tra i 10 e i 12 anni. Abbiamo idee un po’ folli e spesso decidiamo di cimentarci in imprese mirabolanti, che naturalmente implicano il fondamentale contributo dei nostri ragazzi. In linea con questi propositi, il mese di dicembre è stato un periodo parecchio impegnativo per i nostri ragazzi, che si sono dedicati con gioia e passione a diverse attività. In particolare, vogliamo porre l’accento su due eventi, o giornate oseremmo dire (visto che facciamo riferimento a veri e propri avvenimenti full-time): la consegna del Santo Rosario, tenuta in data 15 Dicembre, e l’esperienza di evangelizzazione e divertimento, portata a termine il 22 Dicembre. Con riferimento al primo impegno, i bambini sono stati innanzitutto preparati sull’importanza del Santo Rosario e sul valore e significato di questa preghiera, per poi presenziare alla celebrazione seguente, culminata con la ricezione della Corona del Rosario, donata loro da Padre Antonello. Quest’evento ha visto la collaborazione non solo di noi catechisti e dei ragazzi, che hanno davvero dato il massimo per la riuscita, ma anche dei genitori, che, ad onor del vero, non si sono mai tirati indietro dinanzi ad iniziative di questo calibro. La Santa Messa è infatti stata animata interamente dai ragazzi, attraverso il canto, con la direzione di Santina Roberto e Alessandra Pirillo, e attraverso le letture e le monizioni, a cui hanno contribuito anche i genitori, mettendosi in gioco in prima persona. Nel corso della celebrazione, non sono inoltre mancati i gesti simbolici, che i bambini mettono in pratica sempre molto volentieri, come la deposizione di 10 rose ai piedi della Madonna, in correlazione ad ogni incipit di Ave Maria recitata. In relazione invece alla seconda esperienza suddetta, i nostri bambini hanno preso parte ad una lunga opera di evangelizzazione, che è stata avviata la mattina del 22 ed è culminata la sera. La mattina abbiamo infatti visitato il reparto di pediatria dell’Ospedale Papardo, con lo scopo di portare un po’ di gioia anche a coloro che soffrono; compito al quale i bambini non si sono affatto sottratti e a cui hanno adempiuto con entusiasmo e dedizione. Per questa occasione, guidati da noi catechisti, hanno eseguito balli e canti di animazione, per poi concludere con giochi e filastrocche. Grazie al loro impegno, il Natale è giunto anche in Pediatria! Non possiamo inoltre dimenticare il contributo di Babbo Natale, che, notando il trambusto goliardico, ha deciso di fare un salto, per lasciare qualche piccolo dono. Oltretutto sembra quasi che noi avessimo previsto il suo arrivo, visto che per questo evento abbiamo deciso di donare al reparto un camino nuovo di zecca, realizzato con diversi materiali. La magia del Natale non ci ha abbandonato nemmeno il pomeriggio, durante il quale i nostri ragazzi hanno continuato la loro opera di evangelizzazione, passeggiando per il paese di Ganzirri, allo scopo di fornire ABBRACCI GRATIS a tutti (ebbene sì, proprio a tutti, nemmeno i no secchi sono riusciti a fermarli!). Con il loro brio e la loro dolcezza, sono riusciti a sciogliere anche i cuori più freddi, dimostrando che nessuna avversità è in grado di spegnere la gioia, che il Signore ci fornisce ogni giorno. In conclusione, al termine del lungo momento di evangelizzazione, tutti noi, catechisti compresi, ci siamo dilettati con un Christmas disco-party, trascorrendo una serata all’insegna del divertimento e dell’allegria, in cui nessuno, dal più piccolo al più grande, ha potuto esimersi dall’esibizione sulla pista da ballo o da una performance canora (dopo essersi rifocillato con abbondanti pezzi di focaccia e una buona torta naturalmente). Insomma possiamo davvero affermare di non esserci fatti mancare nulla!

In ultima istanza, la riuscita di questi eventi è la prova di quanto la coesione e la compattezza siano fondamentali all’interno di una comunità e, allo stesso tempo, di quanto la NOSTRA comunità sia colma di queste componenti; solo la perfetta collaborazione tra sacerdote, catechisti, bambini e genitori può infatti condurre a tali sorprendenti risultati, che ci auguriamo vivamente di conseguire anche in futuro.

I catechisti del Gruppo Samuele


Galleria fotografica

I commenti sono chiusi.