Omelia della Celebrazione della Consacrazione Famiglie al Cuore Immacolato di Maria (12/10/2004)

i 5sa1Carissime Famiglie, nella lettera di S. Paolo ai Filippesi abbiamo ascoltato una delle espressioni più significative della sua vita di fede: «Tutto posso in colui che mi dà forza». Come sappiamo, Paolo è in prigione e nonostante sperimenta tribolazioni, indigenze e povertà è convinto che ce l’ha farà. Ce l’ha farà perché tutto può in colui che gli dà forza, tutto può in Gesù Cristo.

Carissime Famiglie, se questo è valso per Paolo, perché non dovrebbe valere anche per voi? Se Paolo ha potuto sopportare tutte le tribolazioni con la forza che Dio gli ha dato, perché non dovreste riuscirci voi? Dio è sempre lo stesso! Come ha aiutato Paolo, aiuta voi; come è stato la forza di Paolo, è la vostra forza. Bisogna solo crederci! Bisogna credere che Dio è la nostra forza

Ed è proprio questo il messaggio di Fatima: Maria a Fatima ha ricordato che Gesù è la forza di chi a lui si rivolge; che con Gesù si vince sempre, perché è lui che dà la forza.

Maria a Fatima ha fatto una promessa ai tre pastorelli: il mio cuore Immacolato trionferà. È la stessa promessa che oggi fa a voi. Sì, carissime famiglie, nonostante le grandi sfide che la famiglia oggi è chiamata ad affrontare, nonostante le grandi difficoltà odierne, non dovete temere nulla. Il cuore Immacolato di Maria può trionfare nella vostra vita e nel vostro amore; nel vostro matrimonio e nella vostra casa.

Questo vale per tutti, soprattutto per quelle famiglie che vivono difficoltà particolari. Ogni famiglia può dire: «Tutto posso in colui che dà forza»; per ciascuna famiglia il cuore Immacolato di Maria può trionfare. Maria a Fatima, nonostante il periodo storico, tanto turbato dai venti di guerra, dall’odio, dà una risposta di fede. Con sollecitudine materna, quasi con insistenza, ci dice che con la preghiera e la penitenza si può tornare a una vita di pace; Maria a Fatima ci ha insegnato: «che non esiste un destino immutabile, che fede e preghiera sono potenze, che possono influire nella storia e che alla fine la preghiera è più forte dei proiettili, la fede più potente delle divisioni». Preghiera e fede sono più forti di ogni conflitto e superano ogni difficoltà. La fede alimentata dalla preghiera; pregate insieme, carissime famiglie, soprattutto la recita del S. Rosario; la Madonna a Fatima ha raccomandato questa stupenda preghiera come arma per ottenere la pace e la fine di ogni conflitto; pregatela anche voi soprattutto quando non riuscite a trovare la pace e la comunione; la fede alimentata dalla Parola di Dio e dai Sacramenti; preghiera e fede sono più forti di ogni divisione e incomprensione. L‘importante è crederci è non bloccare la grazia di Dio. Basta credere che tutto potete in Dio che vi dà la forza; basta crederci e trionferà il cuore Immacolato di Maria.

Nei momenti buoi, mai dimenticate che non siete soli. Con il salmista anche voi dite: «Il Signore è mio pastore non manco di nulla, anche se vado per una valle oscura non temo, perché tu sei con me».

Voi questa sera state vivendo la consacrazione al cuore Immacolato di Maria, solo così sarete custoditi dal maligno che vuole dividere le famiglie; il Cuore di Maria è l’unico posto in cui le famiglie sono al sicuro, perché è l’unico posto in cui il demonio non ha potere, perché non può entrare.

Consacratevi al cuore della Mamma per «vivere con Cristo una personale esperienza di amicizia e di amore». Consacratevi a Maria perché trionfi il bene, l’amore, la pace. Consacratevi per ricevere da Gesù tanta forza e dire anche voi: «Tutto posso in colui che mi dà forza».

Consacratevi perché Maria intervenga presso Gesù e lui trasformi l’acqua in vino; l’acqua della nostra povertà, dei nostri limiti, dei nostri errori, delle nostre incomprensioni, si trasformi nel vino della ricchezza di presenza di Dio, di perdono, di pazienza, di rispetto. Ed allora il cuore di Maria trionferà sulla vostra famiglia; allora tutto potrete in colui che mi va forza: Gesù nostro Signore. Così speriamo e così sia.