Omelia Primi Vespri S.Nicola – 5 dicembre 2019

Omelia Primi Vespri S. Nicola
Inaugurazione della Nuova Confraternita
di S. Nicola, Vescovo
(05.12.2019)

«Egli piacque a Dio Padre, testimoniò il Vangelo in parole ed opere, ora regna glorioso».
L’inno di questi solenni Primi Vespri, che ci fa entrare nella grande solennità di S. Nicola, ci dà una bella immagine del nostro Patrono e Protettore, immagine che siamo chiamati a vivere, tutti, ma soprattutto voi, amati figli e fratelli, che oggi chiedete di far parte della nuova confraternita, dedicata al nostro Santo Patrono, e tra poco professerete la solenne promessa.
S. Nicola piacque a Dio Padre, seguendo le orme di Gesù Cristo.
Ecco il vostro primo compito: seguire Gesù Cristo, accogliere Lui, la sua Parola, imitare Lui, il nostro Maestro e Signore; tutto il nostro discepolato è seguire Gesù Cristo, mettere le nostre orme sulle orme di Cristo, per amare come Lui, agire come Lui, pensare come Lui. Di noi si deve dire quello che si poteva affermare di S. Nicola: ecco un alter Christus; un uomo e una donna, che segue Gesù Cristo, che lo fa vedere, che emana il suo buon profumo.
S. Nicola testimoniò il Vangelo in parole ed opere.
Ecco un secondo compito, annunciare il Vangelo, che è Gesù Cristo, annunciare la sua Parola, proclamarlo con la bocca. Non ci vergogniamo di parlare di Lui, di annunciarlo in ogni occasione opportuna e non opportuna, come ci ricorda l’Apostolo Paolo. Ma soprattutto manifestiamo Gesù Cristo con la coerenza della vita. Non diamo a nessuno motivo di scandalo, attraverso il nostro comportamento riprovevole ed incoerente.
Facciamo vedere ai fratelli che Cristo vive in noi, che siamo occupati interamente da Cristo, come direbbe S. Bernardo; facciamo notare che il suo Vangelo è incarnato nella nostra vita.
S. Nicola regna glorioso dalla città dei santi.
Ecco un terzo compito, regniamo in questa vita, con l’esercizio della carità. Non c’è regno, senza servizio. Il regno si prepara con il servizio. Se S. Nicola oggi regna glorioso nella città dei santi, è perché ha servito i fratelli nella carità operosa, venendo in aiuto a quanti avevano bisogno. Senza carità non si regna. Se vogliamo regnare nel regno dei Santi, diventiamo come s. Nicola, uomo e donne di carità.
Oggi inizia il cammino la nuova Confraternita di S. Nicola, amati figli e fratelli, voi chiedete di farne parte, imitate il Santo Patrono: seguite le orme di Cristo, per piacere a Dio Padre, testimoniate il Vangelo in parole ed opere, esercitate la carità in questa vita per regnare glorioso nella città dei santi.

I commenti sono chiusi.