Saluto del Parroco a P. Fabio Berbiglia

Saluto del Parroco, P. Antonello
a P. Fabio Berbiglia,
in occasione della sua
PRIMA PRESIDENZA EUCARISTICA

(29 giugno 2019)

«Magnificate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome».
Con le parole del salmo di questa Solenne Celebrazione, invito tutta la comunità a dare lode alla SS. Trinità, per il dono che sei amato figlio ed oggi Padre Fabio.
In questo momento mi viene in mente tutto il cammino fatto insieme, da quando, arrivato in questa meravigliosa parrocchia da pochissime settimane, ti ho incontrato. Eri fervente e pieno di entusiasmo, membro attivo nella Comunità Maria.
Veramente tu hai fatto esperienza di Gesù Cristo; come sempre il salmo che tra poco ascolteremo, posso dire che tu hai gustato e visto quanto è buono il Signore, e da allora tutto è cambiato nella tua vita.
Però eri restio ad una eventuale chiamata alla vita presbiterale; ma ci siamo messi in preghiera e abbiamo saputo attendere i tempi di Dio.
Sei stato così un dono atteso ed inaspettato.
Può sembrare un ossimoro, ma non è così.
Sei stato atteso, perché sapevo che prima o poi avresti compreso; inaspettato, perché sei arrivato prima che io pensassi. Dio ci stupisce sempre.
E tu, che eri sempre lieto e sorridente, dopo aver compreso il progetto di Dio nella tua vita, hai sperimentato una gioia ancora più piena e traboccante.
Caro figlio, anche se adesso sei padre, rimarrei sempre figlio per me, solo il Signore conosce l’emozione che alberga nel mio cuore e il senso di gratitudine che ho nei suoi confronti, per aver arricchito il mio ministero presbiterale di meravigliosi figli.
«Magnificate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome».
Sì carissimi tutti, magnificate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome. In modo particolare voi carissimi genitori, che saluto con grande affetto, Ernesto e Cettina, ed insieme a voi la sorella, il cognato, le nipoti e i partenti tutti, magnificate con il Signore, esaltiamo il suo nome, perché ha visitato la vostra casa e benedetto la vostra famiglia con il dono di un presbitero.
P. Fabio, per espresso tuo desiderio, questa comunità ti fa dono della casula, che stai indossando per questa tua Prima Presidenza Eucarestia.
Come ben sappiamo la casula ci ricorda l’efod, che il Sommo Sacerdote indossava e in cui erano incisi i nomi dei figli di Israele. Ciò significa che il sacerdote celebra caricandosi sulle spalle il popolo a lui affidato.
Ovunque sarai, ogniqualvolta indosserai la casula per presiedere l’Eucaristia, ricordati di questa comunità, dove la tua vocazione è nata e dove trova oggi completezza.
Amato Figlio, Padre Fabio, per divina disposizione sei stato ordinato presbitero, nella solennità del Sacro Cuore di Gesù; è dal quel Cuore che è nato il nostro Sacerdozio ministeriale. Sii pastore con il Cuore di Cristo, umile, mite accogliente, misericordioso. Mi raccomando non ti fare mai rubare la gioia, non ti fare mai spegnere il sorriso, non ti fare mai smorzare l’entusiasmo. Sono armi che Dio ti ha dato per essere pastore d’anime e custode del suo popolo.
Interceda per il tuo ministero pastorale S. Nicola, nostro Patrono e Protettore.
«Magnificate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome». Con Maria, Madre del tuo sacerdozio ministeriale, magnifichiamo il Signore, cantiamo le grandi opere che ha fatto nella tua vita. È lei che ha avuto un ruolo decisivo nel tuo cammino di discernimento. È lei che ha tessuto, come ha fatto con Gesù con la tunica, la casula, che da oggi indosserai. Con Maria, dolce Madre Amabili dei Chierici, fai della tua vita una lode continua. Con Maria, che sarà stella sicura nel tuo cammino pastorale, diamo lode alla SS. Trinità, oggi e nei secoli dei secoli.
Amen.


Galleria fotografica

I commenti sono chiusi.