Saluto del Parroco all’inizio della Celebrazione per l’Ordinazione Diaconale di Fabio Berbiglia

Saluto del Parroco
all’inizio della Celebrazione
per l’Ordinazione Diaconale di Fabio Berbiglia

«I cieli narrano la gloria di Dio, l’opera delle sue mani annuncia il firmamento».
Desiderio accogliervi tutti con il salmo che oggi la liturgia ci propone. Ci uniamo ai cieli per narrare la gloria di Dio, per celebrare Lui nelle molteplici, ripetute manifestazioni della sua bontà.
Questo salmo contiene due profondi sentimenti che albergano nel mio cuore di Padre: stupore e gratitudine.
Stupore, che ci lascia senza parole, per le meraviglie operate dal Signore in questa comunità, soprattutto in questo anno che stiamo vivendo.
La Sacra Ordinazione Diaconale del nostro Fabio si inserisce in un anno veramente ricco di grazia, anno in cui abbiamo vissuto momenti di grandissima emozione, prima fra tutte l’Ordinazione Presbiterale del nostro p. Enrico, e con lui quella di P. Bartolo e le loro prime Presidenze Eucaristiche; a questa grande grazia si è aggiunta ad ottobre l’Ammissione tra i Candidati all’Ordine Sacro di Giuseppe Alibrandi.
Davanti a tutta questa grazia veramente nasce lo stupore per le meraviglie che Dio compie nonostante la miseria umana.
Un stupore che si trasforma in gratitudine.
Gratitudine alla SS. Trinità, datore di ogni bene, per il dono stupendo di Fabio, la cui vocazione al sacro Ministero è sbocciata in questa comunità ecclesiale, nonostante non appartenga al territorio parrocchiale.
Con questi sentimenti di stupore e gratitudine, accolgo e saluto Lei, Padre Vescovo Giovanni, Pastore della nostra Chiesa, ringraziandola per la sua presenza e soprattutto per aver voluto, unitamente al Rettore P. Alessandro, che saluto fraternamente ed affettuosamente, insieme a tutta la comunità del Seminario, che l’Ordinazione Diaconale tornasse a svolgersi nelle parrocchie dei candidati.
L’ultima qui si è celebrata nel lontano 2 aprile 2002 di P. Francesco Arena, figlio di questa comunità, tenendo conto che quella del nostro P. Enrico si è svolta in Cattedrale per i motivi che ben conosciamo.
Accolgo e saluto Lei, Padre Vescovo Cesare, che, per gentile ed amorosa concessione dell’Arcivescovo, presiede questa Eucaristia di Ordinazione. Lei ha accolto Fabio in Seminario, come Rettore, presentato da me, molti anni fa, con grande entusiasmo ed oggi, per l’imposizione delle sue mani, Egli diventerà diacono.
Accolgo e saluto anche a te, amato figlio Fabio.
Il Signore, attraverso la Comunità Maria, ti ha condotto qui, per operare nella tua vita. Ed io veramente dico grazie a Dio per averci fatti incontrare; grazie per te, Fabio, figlio tanto amato e tanto curato, che ti sei lasciato plasmare dallo Spirito Santo e condurre da Gesù Cristo, sotto lo sguardo amoroso di Maria. Ti sei abbandonato a lui, non ponendo resistenza, nonostante avevi già il tuo progetto di vita, il tuo lavoro, come l’apostolo Andrea, di cui oggi ricordiamo la festa liturgica.
Veramente il Signore ci sconvolge; Egli ti ha sedotto e tu ti sei lasciato sedurre.
Accolgo e saluto anche voi amati genitori Ernesto e Cettina, che avete accettato la scelta del vostro figliolo e sempre lo avete accompagnato con grande discrezione e rispetto.
Accolgo tutti voi, qui convenuti, per questo momento di grazia, cominciando dai confratelli presbiteri e fratelli diaconi.
I sentimenti di stupore e gratitudine, con i quali accolgo tutti, trovano pienezza in questa Divina Liturgia, che abbiamo appena iniziato e che vogliamo vivere con gioioso entusiasmo, implorante orazione e fraterna condivisione.


Galleria fotografica

I commenti sono chiusi.