X° Anniversario del Parroco nella Parrocchia di Ganzirri

10° ANNIVERSARIO
DI INSEDIAMENTO di padre Antonello nella Parrocchia di
GANZIRRI

2009 4 Gennaio 2019

4 gennaio 2019, questa per la comunità di Ganzirri è una data particolare, ricorre il 10° anniversario di insediamento di Padre Antonello come guida e pastore della parrocchia.
Il 4 gennaio del 2009 era una domenica, e la comunità riunita in chiesa a celebrare il giorno del SIGNORE accoglieva come nuovo parroco un giovane sacerdote, proveniente da Lipari, dove aveva maturato la sua prima esperienza a guida di due parrocchie, ed ora veniva preposto, dall’allora Arcivescovo di Messina, Mons. Calogero La Piana, per il proseguo della sua missione, a Ganzirri.
Oggi è venerdì, il 1° venerdì del mese, giorno dedicato all’Adorazione Eucaristica; dunque anche stavolta la comunità si ritrova radunata in chiesa per celebrare il SIGNORE. Quale modo migliore ci poteva essere, se non questo, per stringerci attorno al nostro parroco ed insieme ringraziare GESÙ per questi 10 anni trascorsi insieme.
10 anni possono sembrare tanti, ma sono letteralmente volati.
È arrivato in punta di piedi P. Antonello, non ha sconvolto, né stravolto nulla, per un po’ è stato una presenza vigile sul modo di lavorare di questa sua nuova famiglia parrocchiale, dopodiché, avendo una visione completa del tutto e di tutti, ha cominciato a dare la sua impronta alla comunità, creando nuovi gruppi ad affiancare quelli già esistenti, e ad oggi i gruppi che formano questa famiglia, sono davvero tanti. Ha inoltre distribuito i vari compiti, tenendo conto dei carismi e dei talenti di ognuno, ha ripristinato antiche tradizioni, che erano rimaste vive solo nei ricordi nostalgici di chi le aveva vissute; ha ideato e attuato tante innovazioni, tanti progetti realizzati; se volessi elencarli tutti sarebbe una lunga lista. Ma non è questo l’intento, quanto invece voler esclusivamente sottolineare quanto abbia lavorato il nostro parroco in questo decennio, avvalendosi della collaborazione di tutti i parrocchiani, perché ha sempre dato spazio a tutti, P. Antonello.
Lui, instancabile operaio della messe del SIGNORE, non si è neppure accontentato di chi era presenza costante in parrocchia, ed ha cominciato a girare in lungo ed in largo per tutto il territorio parrocchiale a conoscerne ogni singola realtà, a prendere visione dei vari contesti e portare sempre più figli al cospetto di DIO. A tal proposito mi allaccio all’omelia che commentava il Vangelo del giorno (Gv 1,35-42), dove il nostro parroco ha fatto una comparazione tra il comportamento di Giovanni il Battista con i discepoli e la figura del sacerdote affermando che: “Un bravo sacerdote non cerca di attirare a sé le persone, perché se dovesse accadere questo, segnerebbe il fallimento della sua missione, ma si prefigge lo scopo di far conoscere GESÙ, invita a seguirLO e a fissare lo sguardo su di LUI. Questo è il ruolo del sacerdote, e dunque anche il mio, e se in questi 10 anni non sono riuscito in questo compito, il mio proposito è di impegnarmi d’ora in avanti a far sì che ciò avvenga”.
Ecco Padre Antonello, noi riconosciamo che invece lei sino ad oggi ha svolto bene anche questo ruolo e il risultato è sotto gli occhi di tutti, ne è prova la crescita che ha avuto nel corso di questi anni la nostra famiglia parrocchiale, che si è arricchita e continua ad arricchirsi di nuovi componenti, figli e fratelli che hanno sete di conoscere, incontrare, gustare, e mai più separarsi dell’Amore del PADRE Misericordioso di Cui lei tanto parla, attraverso esperienze personali, omelie e catechesi, e di Cui è tanto innamorato, e questo lo si percepisce non solo per come lo racconta, ma soprattutto per come agisce, lei pratica ciò che predica. Concludendo l’omelia, il nostro parroco ha chiesto scusa all’intera comunità per tutte le volte che non è riuscito ad essere disponibile, ed ha, infine, ringraziato DIO per la bellissima famiglia parrocchiale che gli ha donato e di cui va molto fiero.
Al termine della Celebrazione ed Adorazione Eucaristica ci siamo recati nel teatro parrocchiale dove per l’occasione è stata imbandita una lunga tavolata stracolma di svariate pietanze preparate con cotanto amore dagli stessi parrocchiani per dimostrare al proprio parroco il loro affetto e la loro gratitudine per come lui si prodiga per tutti, per come si prende cura di ogni singolo figlio e a tal proposito è stato letto un messaggio che oltre a provocare un’espressione di meraviglia per l’inaspettata sorpresa, a tratti dal volto del nostro carissimo parroco, traspariva anche tanta commozione. Dopo aver onorato quel buon cibo non potevano mancare le torte; e che torte!! Erano tre e su ognuna di esse c’era a guarnirle, un collage di foto dei momenti più significativi: un piccolo excursus di questi 10 anni.
Ebbene Padre Antonello, il cammino fin qui effettuato, è stato impegnativo ed intenso, a volte anche faticoso, ma sicuramente sempre entusiasmante, perché le esperienze fatte ci hanno aiutato vicendevolmente nella crescita cristiana, ci hanno legato ed unito rendendoci una vera, grande e propria famiglia.
Oggi festeggiamo i nostri 10 anni insieme, e ci auguriamo di festeggiarne ancora tantissimi altri, nel frattempo, uniti continuiamo a lavorare in questa comunità e per questa comunità, lei come guida saggia e attento pastore e noi come figli fedeli che le assicurano il supporto e la preghiera così come fatto finora.
DIO Benedica lei Padre Antonello e la nostra comunità parrocchiale, MARIA, Madre Amorevole, a cui la affidiamo e ci affidiamo, ci custodisca nel proseguo del nostro cammino.

Nunzia Rinaldi


Galleria fotografica